Posted in Bellezza

Bellezza del lato B – Le morfologie dei glutei

Nei post precedenti ho spiegato l’importanza dell’analisi morfologica eseguita dall’estetista, per la scelta del trattamento estetico adeguato da proporre alla cliente ed ho condiviso la descrizione delle quattro morfologie (nervosa, biliosa, linfatica, sanguigna), soffermandomi sui problemi estetici riscontrati in ognuna di esse.
Adesso continuiamo lo studio morfologico, soffermandoci su una parte del corpo che tutte le donne vorrebbero avere in perfette condizioni estetiche: i glutei.

Bellezza del lato B

Alla zona dei glutei e delle cosce riserviamo gran parte delle nostre attenzioni e siamo molto informate sui benefici di scrub, fanghi e massaggi professionali eseguiti dall’estetista.
Di frequente utilizziamo creme specifiche ad uso domiciliare per tonificare, drenare o snellire, ma non sempre i risultati sono quelli sperati, soprattutto perché questi prodotti fungono da complemento a trattamenti estetici più importanti
L’estetista, invece, può e deve offrire un risultato alle sue clienti e ottiene ciò partendo da uno studio morfologico della singola persona, che include appunto l’analisi morfologica del gluteo.

Le morfologie dei glutei

  • Gluteo a morfologia circolatoria/sanguigna

I fianchi sono piuttosto larghi e con massima ampiezza nella base inferiore del gluteo, che si vede poggiare quasi per intero fino a formare una piega orizzontale.
Tutto questo è associato alla classica espansione che osserviamo alla radice delle cosce (il cosiddetto cuscinetto) e ad un discreto gonfiore fino al ginocchio.
Il soggetto con problemi circolatori, associato alla morfologia sanguigna, ha dei glutei che si distinguono per la rotondità laterale e per la proporzione voluminosa.

  • Gluteo a morfologia metabolica/biliosa

La morfologia di questi glutei è condizionata  dal malfunzionamento dell’apparato digestivo e intestinale, che determina una scadente elaborazione delle sostanze nutritive.
L’aspetto dei i glutei a morfologia metabolica/biliosa non si allargano lateralmente e hanno un aspetto meno sviluppato rispetto al resto del corpo.
Sono sodi, alcune volte discretamente o abbondantemente sporgenti, ma presentano la classica  cute  “a buccia d’arancia”.
Il “cuscinetto” alla base delle cosce  è presente, ma abbastanza mimetizzato, tanto che il profilo laterale risulta sufficientemente modellato e aggraziato.
Nel suo insieme il tessuto si presenta con una buona tonicità.

  • Gluteo a morfologia nervosa

Nel caso che andiamo ad analizzare,  è importante ricordare le peculiarità della morfologia, caratterizzata da un problema nervoso che si manifesta con stati di tensione generale, ansia, insonnia, irritabilità.

Tutto questo determina due diverse condizioni di tonicità:

Fase giovanile – morfologia ipertonica, caratterizzata da glutei piccoli e con scarso (o nullo) tessuto adiposo.
I muscoli dei glutei sono evidenti, molto contratti verso il centro e verso l’alto (retrazione pelvico anale), mentre lateralmente appare evidente l’aspetto ossuto del bacino.

Età avanzata – glutei piccoli e con scarso tessuto adiposo, ipotonici verso il basso o verso il centro.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *